Skip to Content
Mercoledì, 18 Luglio 2018

Etica e Politica

Il bene comune, soprattutto!

E’ famosa la frase di Mark Hanna, repubblicano e oppositore di Theodore Roosvelt: "In politica contano due cose: una sono i soldi, l’altra non riesco a ricordarmela". Noi vorremmo tentare di ricordare qui proprio la seconda cosa, che è il bene comune.

La natura non è in vendita

di George Monbiot, The Guardian, Gran Bretagna

Un rapporto del ministero dell’ambiente britannico ha attribuito un valore economico alla natura. Consegnandola così al mondo degli affari

La democrazia vive di motivazione politica

Di solito, della "motivazione" in politica si parla solo prima di elezioni, referendum o altri momenti di votazione democratica, quando si tratta di "motivare" la popolazione ad andare a votare. A causa di tale motivazione, la politica quotidiana spesso viene fermata per settimane: l'intensità delle campagne elettorali aumenta sempre di più per durata e per intensità. Tutto questo ha dei costi, senza contare la perdita di tempo per i compiti che la politica dovrebbe affrontare.

Prescrizione breve

Sulla cosiddetta prescrizione breve per gli incensurati votata alla Camera vale la pena di riflettere ancora un po’ oltre che da un punto di vista giuridico e politico, anche da un punto di vista etico. Si tratta infatti di un provvedimento legislativo che interpella la coscienza di tutti e ovviamente in prima istanza quella dei parlamentari chiamati a ratificarlo in Senato.

Giusto o sbagliato

È ammissibile uccidere una persona per salvarne cinque? Tra emozioni e ragione, gli scienziati indagano le basi neurologiche della morale

Carl Zimmer, Discover, Stati Uniti

Né solo appelli alla coscienza, né solo riaffermazioni di valori

Mai come in questi giorni, soprattutto in riferimento alle note vicende in cui è coinvolgo il premier Berlusconi, si avverte la necessità di riconoscere “senza se e senza ma” tutta una serie di diritti di libertà e di diritti sociali che attengono, i primi, alla sfera privata, i secondi, alla sfera pubblica.

La Responsabilità dell'Etica Mediatica sulle Coscienze

Che dire delle barzellette con bestemmia e offesa alla memoria della shoah del premier Silvio Berlusconi?

Syndicate content